I banchieri e le loro carenze in matematica...

Il presidente dell’ABI (Associazione Bancaria Italiana) Antonio Patuelli, che li rappresenta tutti, ha stravolto alcuni concetti di algebra




Articolo a cura di Vincenzo Imperatore

Ha dichiarato, come riportato da La Stampa, che otto richieste di finanziamenti su dieci sono state accolte dal sistema bancario. Lo ha fatto per rispondere al Presidente del Consiglio Conte che a Montecitorio la settimana scorsa ha dichiarato, appello inaspettato ed incoerente (dopo aver scritto un decreto con i piedi), che le banche possono e devono fare di più.

Forse non ha dato una occhiata al sito del Fondo di Garanzia per le piccole e le medie imprese che quotidianamente riporta il numero (e l’importo) delle domande che il sistema bancario seleziona ed invia al MES per ottenere la prevista garanzia.

Al 20 maggio erano pervenute al Fondo solo 357.690 domande.

Facciamo una semplice equazione 8:357.690=10:X
La soluzione è 447.112.
Se l’algebra si basa ancora sugli stessi concetti da me studiati , secondo Antonio Patuelli, in banca sarebbero andate 447.000 imprese circa per richiedere i finanziamenti previsti dal decreto liquidità.

Se pensiamo che in Italia ci sono circa 4,5 milioni di imprese, vuole dire che solo il 10% delle imprese italiane ha sentito l’esigenza di rivolgersi alle banche per ottenere le agevolazioni.

Delle due l’una. O le nostre imprese, contrariamente a quanto finora rilevato, sono fortemente capitalizzate al punto da non ritenere efficiente indebitarsi.
Oppure c’è bisogno di lezioni di ripetizione di matematica per Patuelli.

ShareBox@FB


Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per tutte le ultime info e news aggiornate....


Partners

Banca EticaSOS Impresa SalernoBcc di AquaraApcoSuor Orsola BenincasaMoney FarmReal TimeUnimecatorumPeople For PlanetConfimpreseLettera 43Angaisa

 

Imperatore Consulting - P.IVA 07315251210
Piazza G. Bovio 22, Napoli - Tel./Fax 081.19806273
web: www.imperatoreconsulting.eu