Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su LinkedIn

Quelle strane ambiguità sugli Npl nei bilanci delle banche

La gestione dei crediti deteriorati sono finiti nel mirino delle Bce. Perché tutta questa tardiva preoccupazione? Perché non c'è chiarezza su quali siano quelli sani e quelli deteriorati.




Minimizzare vs generalizzare non è una guerra tra verbi. L’arte del minimizzare è spesso l’unica arma che hanno tra le mani i perdenti. Ricorda tanto, al tifoso patologico, il compianto Emiliano Mondonico, allenatore del primo Napoli retrocesso in B nel 2001 dopo oltre 37 anni, che a ogni sconfitta della squadra amava ripetere «non è questa la partita che dovevamo vincere». Nel frattempo noi tifosi ci chiedevamo quale era quella che avremmo dovuto vincere visto che le perdevamo tutte! È lo stesso atteggiamento che hanno i banchieri e le penne di regime che difendono un sistema che presenta ormai più buchi di una fetta di formaggio svizzero. Mi piace provocarli, a ogni dibattito pubblico e televisivo, con l’arte diametralmente opposta e cioè con la generalizzazione. Anche perché non è molto lontana dalla realtà.

QUELLE AMBIGUITÀ SUI CREDITI IN SOFFERENZA

Ci piace generalizzare, è rassicurante, un pretesto per risparmiarci altre fatiche per combattere il «tanto non è sempre così». Tutte le banche(tranne poche eccezioni) hanno adottato ed adottano politiche commerciali aggressive e subdole. Tutte le banche (tranne poche eccezioni) hanno manager vecchi, superati e incompetenti. Tutte le banche (tranne poche eccezioni) hanno falsificato e falsificano i loro bilanci. In merito a questa ultima affermazione a poco bastano le dichiarazioni rassicuranti del ministro di turno («..il nostro sistema bancario è solido....») oppure dei media di regime schierati a 'negare' le preoccupazioni del default degli istituti di credito.

Il mercato che continua a bocciare in Borsa il sistema bancario. Perché? Perché gli analisti sanno leggere i bilanci e si preoccupano della voce 'crediti in sofferenza'

Tutto questo minimalismo non basta più. Tutto questo non offre le giuste garanzie al mercato che continua a bocciare in Borsa il sistema bancario. Perché? Perché gli analisti sanno leggere i bilanci e si preoccupano della voce 'crediti in sofferenza', cioè di quei prestiti che non verrano restituiti integralmente e soprattutto saranno rimborsati in tempi lunghi.
E la Bce non può più far finta di non vedere. Ad esempio in Mps, secondo quanto riportato da Il Fatto, da lunedì 28 gennaio scorso sono scattati controlli della Vigilanza di Francoforte mirati a verificare, tra l’altro, la veridicità della posta di bilancio degli accantonamenti per le perdite su sofferenze (Npl) derivanti da crediti incagliati (Utp) con anzianità superiore ai sette anni.

I BILANCI DELLE BANCHE SOTTO LA LENTE DELLA BCE

Ma perché questa (tardiva) preoccupazione ? Cosa hanno combinato di preciso le banche in merito alla valutazione nei loro bilanci degli Npl? Semplice, non li hanno valutati come tali! La regolamentazione derivante dall’accordo interbancario di Basilea che fissa i requisiti patrimoniali minimi degli istituti, il cosiddetto “patrimonio di vigilanza”, per poter “fare banca” e cioé erogare credito sulla base dei risparmi depositati che vanno appunto salvaguardati, obbliga le banche alla registrazione nel proprio bilancio, per ogni credito concesso, di accantonamenti “prudenziali” per le “perdite attese”, con relativa diminuzione quindi degli utili per gli azionisti. Accantonamento che diventa nettamente superiore se quel credito concesso diventa un “credito di dubbio recupero”.
A questo punto siamo sicuri che i crediti sani siano davvero tali? Ma se invece la Bce, come pare stia facendo, le ispezioni le concentrasse sui crediti cosiddetti ancora in bonis o presunti tali (sui quali gli accantonamenti da fare sono nettamente inferiori a quelli previsti per i “deteriorati”)? E se si accorgesse che l’impresa beneficiaria del finanziamento avesse già manifestato evidenti segnali di crisi (ha ricevuto un pignoramento da Equitalia per mancato pagamento della Tarsu, non paga le rate di mutuo da oltre otto mesi, ha i fidi interamente utilizzati o sconfinati ed effettivamente incagliati), da controllore la considererebbe tra i “crediti in bonis” o tra i “crediti deteriorati”? E se facendo una indagine la Centrale Rischi verificasse che quel finanziamento è ancora tra i “crediti in bonis”, come dovrebbe classificare il bilancio di quella banca? Come falso. Ma i difensori del sistema, anche questa volta, diranno, citando Mondonico, che «non era quella la partita da vincere».

A cura di Vincenzo Imperatore

ShareBox@FB


Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per tutte le ultime info e news aggiornate....


Partners

ApcoContasReal TimeSOS Impresa SalernoZululabUnimecatorumAngaisaBcc di AquaraLVNLettera 43Centro Commerciale Vomero ArenellaConfimpreseMoney FarmOrientatoriTeamFourBanca EticaSuor Orsola BenincasaCatania NetworkPeople For PlanetBW ConsulenzaAndrea Bertini

 

Imperatore Consulting - P.IVA 07315251210
Piazza G. Bovio 22, Napoli - Tel./Fax 081.19806273
web: www.imperatoreconsulting.eu