Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su LinkedIn

Cosa sono i credit default swaps e perché sono importanti



Articolo a cura di Vincenzo Imperatore su Lettera43

Lo spread è argomento di discussione ogniqualvolta aumenta a livelli tali da preoccupare l’opinione pubblica. Lo spread, quando cresce, fa rumore e attira l’attenzione dei media. Lo spread è trendy, cool, alla moda, fa tendenza. Il Cds (credit default swap) è invece out, démodé, fuori moda. Poco infatti si parla del Cds che dovrebbe invece essere un indicatore dello stato di salute di un Paese soprattutto nei momenti di apparente calma. Perché il Cds parla del futuro, di ciò che potrebbe accadere domani.

Guida facile per capire lo Spread
Semplificando, i credit default swap sono contratti derivati che vengono comprati oggi da un investitore per assicurarsi contro l’eventuale default di un Paese domani. Più è alto il costo per assicurarsi contro tale eventualità, più è possibile che le finanze pubbliche della nazione facciano crac. Si tratta quindi di rischiosi strumenti di investimento da tenere assolutamente alla lontana dagli investitori non professionali per una serie di motivi (primo fra tutti lo scambio in un mercato non regolamentato) che non sono oggetto di questa riflessione.
I Cds nascono per proteggere il rischio che si verifichi una determinata condizione avversa come il default (fallimento) di uno Stato
Ciò che invece ci interessa sottolineare in queste settimana in cui si sono suonate le fanfare perché lo spread è sceso sotto quota 300 è che i Cds nascono quindi per proteggere il rischio che si verifichi una determinata condizione avversa come il default (fallimento), ma anche il ritardato pagamento di cedole e/o interessi che, come abbiamo visto nelle scorse settimane, è addirittura sancito dalla legge.

I CREDIT DEFAULT SWAPS? COME UN'ASSICURAZIONE

Per fare un esempio pratico, se a una certa ora di un certo giorno l’assicurazione dal fallimento sul titolo obbligazionario della Repubblica italiana viene scambiata a 217 punti base, significa che per sottoscrivere quell’assicurazione sul default dello Stato dovemmo pagare il 2,17% dell’investimento nel titolo. Per assicurare, dunque, 1 milione di euro investiti in Btp occorre spendere 21.700 euro in Cds. Un po’ come succede al comune cittadino che decide di proteggere la sua nuova automobile dal rischio di incendio e/o furto, e per questo decide di sottoscrivere una polizza con una compagnia assicurativa.
Come sappiamo si possono verificare due eventi:
1. Se si verifica l’evento avverso – il furto o l’incendio – la compagnia di assicurazione verserà al cittadino un determinato valore (la copertura) che gli servirà, in parte o totalmente, per acquistare una nuova automobile.
2. Dal suo canto, il comune cittadino dovrà versare alla compagnia assicurativa un premio per la copertura al rischio per tutta la durata del contratto. Al Sud l’assicurazione auto costa mediamente il 150% in più che al Nord. Anche oggi, quando sembra che le frodi siano diminuite e che gli automobilisti meridionali siano diventati più virtuosi. Sicuramente le dinamiche economiche che creano costi indiretti maggiori al Sud sono causate da inefficienze oppure sono frutto di cattive condotte quando non di fenomeni criminali. Ma non si può continuare a ragionare su temi che portano a una colpevolizzazione delle vittime, laddove le vittime sono i milioni di meridionali onesti che subiscono la pressione criminale e, in più, ne pagano anche le conseguenze indirette in termini di costi economici.

Bene, volete sapere in questo momento, quando lo spread torna a scendere e c’è bonaccia, qual è il Paese in Europa con la quotazione di Cds più alta dopo la Grecia? Domanda retorica, basta guardare la tabella sopra e rendersi conto che milioni di italiani onesti oggi dovrebbero pagare un’assicurazione molto alta se vogliono prendere la patente italiana e guidare in Europa nei prossimi cinque anni. La tempesta non è ancora arrivata.

ShareBox@FB


Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per tutte le ultime info e news aggiornate....


Partners

SOS Impresa SalernoConfimpreseApcoBanca EticaZululabCatania NetworkPeople For PlanetAndrea BertiniTeamFourBW ConsulenzaUnimecatorumMoney FarmSuor Orsola BenincasaOrientatoriBcc di AquaraLettera 43ContasReal TimeAngaisaCentro Commerciale Vomero ArenellaLVN

 

Imperatore Consulting - P.IVA 07315251210
Piazza G. Bovio 22, Napoli - Tel./Fax 081.19806273
web: www.imperatoreconsulting.eu